il ritorno del Vinile!

4 February 2011
By
Il Vinile

Il Vinile

Si pensava che i dischi in vinile fossero destinati alle raccolte private di inguaribili collezionisti nostalgici; ma è il mercato a sbalordire dimostrando il contrario.

Realizzati a partire nel 1948 e dominatori assoluti del mercato dei supporti di registrazione musicale e non solo fino ad una ventina di anni fa, il vinile pareva essere arrivato alla fine del suo ciclo industriale con l’avvento dei compact-disc prima e di Internet poi.
Ma le cose sono andate diversamente. Si tratta, bene precisarlo subito, di un mercato di nicchia: oggi solo l’uno percento dei prodotti musicali venduti in Italia usa come supporto il vinile.

Però è una nicchia che, nel suo piccolo, cresce a ritmi inattesi. Nel 2010 (anno della rinascita) le vendite sono cresciute di oltre il 200%, e per il 2011, in attesa dei dati definitivi, si parla di un ulteriore 16%. Tutto questo mentre le vendite di cd crollano del venti percento all’anno, travolte dalla crisi dei consumi e dalla diffusione delle melodie sul web.

Perché il vinile resiste e anzi trova nuovi estimatori, a dispetto dell’evidente sorpasso tecnologico? In realtà il progresso tecnico non si è mai interrotto e la qualità dell’audio è oggi molto elevata; ma il vero motivo va ricercato certamente nella nostalgia e nella maggiore eleganza del disco classico, che fa anche bella mostra nei salotti: non a caso, gli acquirenti sono di solito persone di mezz’età.

i pensava che i dischi in vinile fossero destinati alle raccolte private di inguaribili collezionisti nostalgici; ma è il mercato a sbalordire dimostrando il contrario.Realizzati a partire nel 1948 e dominatori assoluti del mercato dei supporti di registrazione musicale e non solo fino ad una ventina di anni fa, il vinile pareva essere arrivato alla fine del suo ciclo industriale con l’avvento dei compact-disc prima e di Internet poi.
Ma le cose sono andate diversamente. Si tratta, bene precisarlo subito, di un mercato di nicchia: oggi solo l’uno percento dei prodotti musicali venduti in Italia usa come supporto il vinile.

Però è una nicchia che, nel suo piccolo, cresce a ritmi inattesi. Nel 2008 (anno della rinascita) le vendite sono cresciute di oltre il 200%, e per il 2009, in attesa dei dati definitivi, si parla di un ulteriore 16%. Tutto questo mentre le vendite di cd crollano del venti percento all’anno, travolte dalla crisi dei consumi e dalla diffusione delle melodie sul web.

Perché il vinile resiste e anzi trova nuovi estimatori, a dispetto dell’evidente sorpasso tecnologico? In realtà il progresso tecnico non si è mai interrotto e la qualità dell’audio è oggi molto elevata; ma il vero motivo va ricercato certamente nella nostalgia e nella maggiore eleganza del disco classico, che fa anche bella mostra nei salotti: non a caso, gli acquirenti sono di solito persone di mezz’età.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

User Login

 

ottobre: 2019
L M M G V S D
« gen    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Al momento non ci sono utenti online

giorgio aureli, clara anelli, giancarlo tarsia, michele miglionico, fulvio gatti, roberto vivoli, enzo capone